Non so se piangere o ridere

romano.jpgLeggo già da diversi giorni di un mio inserimento in una lista di futuri sottosegretari del Governo, ma è evidente che si tratta di fantasticherie.

E’ chiaro che il Premier ha tutto l’interesse a cavalcare l’onda del dissenso che ho espresso all’interno dell’Udc, ma la mia è una posizione politica dettata dalla voglia di dare un contributo alla crescita del nostro Paese.

Non so quindi se piangere o ridere davanti a ciò che hanno scritto i giornali in questi giorni.

In questi giorni quello che ho continuato a ribadire, e che dico anche a voi, è che voglio sentire cosa ha da dire Berlusconi, non sono interessato a cio’ che ha da dare.

L’interesse del Paese viene prima di ogni interesse personale ed è questa la battaglia che ho intenzione di portare avanti

On. Saverio Romano

Non so se piangere o ridereultima modifica: 2010-09-24T10:14:35+00:00da saverioromano
Reposta per primo quest’articolo

15 pensieri su “Non so se piangere o ridere

  1. Onorevole, mi dice che cosa prova un uomo che va a difendere pubblicamente un..p..co? e cosa si prova a correre in suo aiuto per salvare la legislatura ben sapendo che è la lega che sta governado e che la stessa sta massacrando il sud che lo elegge? solo un esempio, scuola elementare i nostri ragazzini 27 ore di lezione al nord 40 con la conseguente perdita di posti di lavoro di padri e madri di famiglia? solo nella provincia di palermo quest’anno 1200 posti, 1200 famiglie in mezzo alla strada provincia di palermo…. e non basta sarà costretto a votare gli albi regionali che comporterànno l’impossibilità dei nostri insegnanti di andare al nord………… Grazie per quello che fa per il suo paese

  2. Con i procedimenti giudiziari direi che hai direi che presenti un curriculum ineccepibile per fare il ministro.
    Questi sono i giusti risultati per una vita dedita intensamente al malaffare, veramente complimenti.
    Ora però rimboccati le maniche ed inizia a telefonare e sistemare anche i tuoi carissimi parenti che se lo meritano e soprattutto non dimenticarti chi ti ha sostenuto riempi le loro tasche di verdoni pubblici con generosità.

Lascia un commento