Segretari provinciali e cittadini under 35?

saverioromano.jpgA volte  la voglia, il desiderio e il coraggio di scelte radicali si incrociano con l’esigenza di un profondo rinnovamento. Diventa quello il momento per interrogarsi e mettersi in gioco. Da Segretario Regionale ho voluto sin dall’inizio introdurre idee nuove anche con la creazione di liste alle amministrative composte da Giovani e Donne.  Oggi siamo alla vigilia dei congressi di partito e da Segretario Regionale voglio lanciare ai miei amici internauti una provocazione (anche se per me non è tale): cosa ne pensate di segretari provinciali e cittadini under 35? L’Udc siciliano che io rappresento ha sempre sostenuto i suoi giovani, dentro e fuori il movimento giovanile. Ora è venuto il momento di accompagnarli dentro il “partito degli adulti”, certo che con il loro entusiasmo, il loro spirito innovativo, sapranno fare anche meglio di noi.

Segretari provinciali e cittadini under 35?ultima modifica: 2009-10-17T14:19:00+00:00da saverioromano
Reposta per primo quest’articolo

20 pensieri su “Segretari provinciali e cittadini under 35?

  1. Grande Saverio!

    Era ora.

    Dopo infiniti annunci e proclami, finalmente un leader di partito, oltre a scommettere e puntare sui suoi giovani, decide di farli scendere in campo.

    Insomma, è prorpio il caso di dire dalle parole ai fatti.

    I giovani nell’economia, nell’arte, nello sport e chissà in quali altri settori, rappresentano spesso l’elemento più innovativo e dirompente.

    In loro, la spregiudicatezza, dettata dalla mancanza di cautela ed esperienza, spesso, anzichè porsi come limite, si rivela invece quale miglior strumento di conoscenza.

    La mancanza di paura è senz’altro la strada più idonea per raggiungere i lidi che ancora rimangono inesplorati all’esperienza umana.

    Non si può sottacere come la giovinezza sia anche l’età, oltre che degli amori, quella dei sogni.

    I giovani che sognano, sono quelli che vivono di più il loro consapevole tormento, quello di puntare ad avere un mondo più felice e più bello.

    Grazie a te Saverio, magari sogneremo di meno, di contro però, incomincieremo a lavorare per realizzare i nostri sogni.

    Complimenti e grazie per il coraggio di questa scelta.

  2. Sono assolutamente d’accordo alle tue dichiarazioni.Oggi più che mai il nostro partito ha bisogno, nel suo rinnovamento di volti e idee, giovani che permettano di dare risposte concrete e diverse da quelle che la classe politica fin ora è stata in grado di dare.
    Ben vengano volti giovani e nuovi, che hanno saputo farsi strada dentro i laboratori politici del giovanile, ben vengano coloro che danno valore aggiunto alla nostra azione di partito.
    L’importante è che chiunque siano, non utilizzino il nuovo incarico come una medaglietta da appendere sulla giacca, ma rendano sempre più attivo, attuale, insomma sul pezzo, il nostro partito e chi lo rappresenta a livelli più alti.Solo così potremo crescere.Solo così potremo fare il bene della Sicilia e dell’Italia!!

  3. Caro segretario, d’accordissimo! Ma perchè allora a Mazara alle ultime amministrative ha dato il simbolo ad un gruppo che non aveva giovani, non ha fatto una riunione, non ha coinvolto nessun cittadino, non ha fatto nessun comunicato stampa a nome del partito se non quelli per ribattere quelli del gruppo che invece li faceva per sponsorizzare le iniziative intraprese? Perchè sono amici degli amici? Scurdammoce do passat’ ? E no! Aspettiamo ancora un confronto promessoci 9 mesi fa a Palermo e mai avvenuto! Si predica bene e si razzola male….

  4. Bene, ottimo! Sicuramente la strada giusta e lungimirante. Grandiosa e per certi versi lungimirante intuizione che ancora una volta grazie a te ci caratterizza in positivo rispetto all’attuale sistema politico. Idea inoltre sicuramente coraggiosa ma altrettanto sicuramente, conoscendoti, non estemporanea o improvvisata ma che sarà già stata preventivamente “approfondita” “studiata” e “verificata” sui vari territori. Mi permetto solo di proporre l’aggiunta di una postilla, che ebbi già modo di riferire direttamente a Casini duranta l’incontro con gli amministratori comunali dell’Udc al congresso Anci di Torino: se (disgraziatamente) dovesse permare l’attuale sistema elettorale nazionale (porcata) la dirigenza regionale e nazionale si faccia responsabilmente carico (vieppiù ed a maggior ragione a corollario di questa intelligente proposta) di valorizzare, (dato che ormai si tratta in pratica di una specie di cooptazione e tutte le scelte dovranno giocoforza passare dalle loro mani) nella preparazione delle liste, adeguatamente e conseguentemente, assieme alla deputazione uscente, innazitutto gli amministratori locali che “presidiano” i territori e le comunità e vi rappresentano forse con qualche merito il partito ed anche, per l’appunto, proprio quei giovani dirigenti under 35 che si trovano o si troveranno adavere la responsabilità di dover “tirare la carretta” con comprensibili e prevedibili notevoli difficolta e sacrifici personali. Avanti così, allora, che alla fine noi e l nostre proposte politiche saremo sicuramente premiati!!!

  5. Pienamente d’accordo, ma l’importante è che la classe dirigente sia efficiente. Bisogna dare spazio ai giovani, ma i giovani devono farsi spazio con idee e proposte. Io sono pronta a mettermi in gioco, e spero che come me vogliano farlo tanti altri ragazzi.
    Marta

  6. Sono un giovane dottorando di ricerca siciliano (di 25 anni) che studia a Milano.
    Tramite la homepage di Gianluca Buono su Facebook, sono venuto a conoscenza di questa proposta.
    L’iniziativa lanciata dall’Udc Sicilia – per conto del suo ottimo segretario, l’on. Saverio Romano – mi pare assolutamente apprezzabile.
    Un vero partito è quello che non ha paura di aprirsi alle forze nuove e più prorompenti, come quelle rappresentate da noi giovani.
    In altri partiti, si auspica la de-responsabilizzazione giovanile, dove l’apatia regna sovrana. Così spesso entrano nel circuito politico giovani con poche idee, scarso entusiasmo e spinte opportunstiche forti.
    E’ ora di ribaltare questo schema. La politica ha bisogno di forze nuove, fresche, insomma di aria pulita di tipo giovanile.
    Introdurre – come auspica l’ottimo Romano – giovani capaci, appassionati di politica per cambiare in meglio il paese, può solo fare bene non soltanto all’Udc (e all’ipotetico Partito della Nazione), ma anche all’Italia intera.
    Per questo reputo lodevole e di grande significato questa iniziativa di Romano di proporre segretari provinciali e cittadini under 35 per una politica più ideale e meno dettata dalla realpolitik. Sarebbe davvero una positiva novità al fine di favorire non soltanto e non tanto un ricambio generazionale di partito, quanto una inversione totale di una politica italiana fatta da vecchi che alimenta cose vecchie. Cordiali saluti

  7. Sono pienamente d’accordo con l’idea dell’Onorevole Francesco Saverio Romano. Dobbiamo cercare dare fiducia e spazio ai giovani, affidando a loro incarichi di maggior responsabilità. E’ il momento che il partito dell’Unione di centro cominci un processo di rinnovamento sia della classe dirigente, sia di idee e proposte politiche.

  8. Sarebbe magnifico. I giovani, a mio avviso potrebbero portare nuove idee e un nuovo slancio sia al partito ,sia alla politica nazionale. L’entusiasmo non ci manca di certo, chiunque approda in questo partito ad una età giovanile è perchè crede nei valori morali ed etici che vengono rappresentati dall’UDC e soprattutto dal nostro Presidente Casini.

  9. Sarebbe una fantastica idea! Ho 15 anni e, da giovanissima, condivido pienamente la sua proposta. Del resto siamo noi giovani che dobbiamo impegnarci per far si che nel futuro ci sia un mondo migliore…siamo noi il futuro!

  10. Per me è la prima volta che scrivo in questo blog, e tra l’altro non sono iscritto in nessun partito politico, questa idea dei giovani under 35 mi sembra molto positiva e innovativa, in un Italia il cui pensiero politico è se essere Berlusconiani o anti Berlusconiani, bisogna promuovere i giovani e le loro idee, bhe faccio un breve accenno ad una mia esperienza politica/sindacale avuta a Luglio scorso, in occasioni delle elezioni delle RSU al cantiere navale di Palermo, mi candidavo come RSU nel colleggio impiegati, superando le diffidenze iniziali della segreteria provinciale della mia sigla sindacale, riuscivo a candidarmi, bhe per essere brevi io con le mie idee riuscivo ad ottenere il 7% di preferenze nel coleggio, parlando con chi non mi ha votato riuscivo a capire il perchè non mi avessero votato, non mi hanno votato perchè votare per me significava votare per la segreteria provinciale che appoggiava l’altro candidato e questo giochetto ha contribuito a farmi perdere il 12% dei consensi, pertanto alla luce di questa breve esperienza posso dire che bisogna dare fiducia ai giovani e alle loro idee che sono vincenti l’idea del rinnovamento della classe dirigente è l’arma vincente ed è la strada giusta da percorrere, bisogna mandare a casa certe espressioni di idee vecchie oramai obsolete come quelle che ha l’On. Lombardo, il cui partito è superato già sul nascere ma se la Sicilia è autonoma, lui che autonomia vuole? E su questa riflessione vi lascio

  11. Non è la prima volta che l’On.le Saverio Romano dimostra di essere vicino a noi giovani non solo a parole ma anche con i fatti. Non credo che si possa trovare un altro invito come questo su altri blog di politici nazionali. Saverio Romano ha lanciato la sua proposta adesso sta a noi raccoglierla e farla avverare nei fatti. La strada tracciata dal nostro Segretario Regionale ci fa ben sperare e ci carica ancora di più per affrontare al meglio il nostro impegno in politica. Caro Segretario, mi faccio da tramite per inviarti un grosso GRAZIE anche dai Giovani UDC di Trapani!!

  12. Ottima idea, spero però che questo sia davvero realizzabile ed esportabile in ogni realtà nazionale. Molto spesso i nostri riferimenti politici fanno questi discorsi, ma poi concretamente il cambio generazionale non si effettua. Noi siamo a disposizione e lavoriamo per il partito da anni, pertanto non possiamo che essere favorevoli. Complimenti Onorevole!

  13. Carissimo Segretario Regionale, io sono un amministratore locale di 33 anni, da 6 anni faccio politica attiva e dal 2006 ho seguito l’On. Antinoro nell’adesione all’UDC. Nonostante i tanti risultati elettorali ed amministrativi raggiunti dal mio gruppo, che vanta di essere il più rappresentativo nella città in cui vivo, continuo a vedere nel mio comune un partito affidato a chi oggi fà politica domenicale, senza una vera sezione locale, senza un coinvolgimento diretto dei pochi tesserati. Un segretario comunale mai eletto democraticamente. E nonostante io abbia più volte nel passato rappresentato questa esigenza di rinnovamento al Segretario Provinciale, sino ad oggi la situazione pedura e crea dissaffezione nei confronti del nostro partito. Sono passate anche le Europee a cui il mio gruppo ha dato un ampio contributo, ma della riorganizzazione in sede periferica dell’UDC non vi è traccia. Quindo colgo positivamente il suo proposito di mettere in cantiere scelte coraggiose, rivolte a dare fiducia ai giovani in politica, anche perchè chi come me siede in Giunte Comunali a forte connotazione PDL, sente sempre più l’esigenza di avere accanto un partito forte e sano nel quale condividere riflessioni e scelte importanti!

Lascia un commento